– Alla ricerca dello spazio perduto.

22 Giu – Alla ricerca dello spazio perduto.

Roma.

Quanto sia importante la koinè, il clima intorno, lo si capisce più quando lo ri trova che quando manca.

 

Due giorni nella capitale mi hanno investito con mille e cinquencento stimoli. Pensavo note, sognavo immagini, ricordavo suoni, dopo una giornata di immersione.

Vedere e ascoltare la bellezza, l’arte altrui non fa che bene.

Quando c’è quel fuoco sacro, quando c’è sacro amore per quello che si sta facendo; l o s i s e n t e !

e fa bene al mondo, mentre fa bene a te!

e poi, ad un certo punto, arriva la riflessione razionale.

Cosa ci fanno artisti incredibili, ancora “qui”, nella penombra? Perchè non c’è spazio in questo paese per chi sa fare? per chi ha da dire? perchè le migliori energie rimangono non dispiegate, mentre poi ci tocca ingoiare mediocrità a più non posso??

domanda retorica.

 

e però lo voglio ancora sognare, immaginare, assaporare un posto migliore, una società dove le energie giovani e impetuose-armoniose-talentuose abbiano spazio e cura, attenzione, considerazione.

 

sono contenta di stupirmi ancora di fronte ad un popolo che fugge la propria anima migliore.

Tags: