Testi

Tutti i testi e le traduzioni dell’album “Alma” – Frida Neri

“Aida” (Frida Neri – 2017)

(un canto per immagini di questa nostra terra)

 

Terra bagnata, lembo, pianura
passo d’altura solenne
schiena distesa, sirena senza memoria
gonna di seta, d’ombra e di movenze
così io saprò chi sei
così io saprò chi sono
terra di sera, sibilla silenziosa
santa, straniera, avara e generosa
così io saprò chi sei
così io saprò chi sono

 

“Canção de embalar” (José Zeca Afonso – 1970)

 

Dorme meu menino a estrela d’alva
Já a procurei e não a vi
Se ela não vier de madrugada
Outra que eu souber será p’ra ti
Outra que eu souber na noite escura
Sobre o teu sorriso de encantar
Ouvirás cantando nas alturas
Trovas e cantigas de embalar
Trovas e cantigas muito belas
Afina a garganta meu cantor
Quando a luz se apaga nas janelas
Perde a estrela d’alva o seu fulgor
Perde a estrela d’alva pequenina
Se outra não vier para a render
Dorme qu’inda a noite é uma menina
Deixa-a vir também adormecer

 

– traduzione –

 

Dormi piccolo mio come la stella del mattino
l’ho cercata senza trovarla ma
se non arriverà prima dell’alba
un’altra che io conosco sarà per te
Un’altra che so che c’è, nella notte scura
sopra il tuo sorriso incantato
sentirai cantare dalle alture
canzoni e musiche per addormentare
canzoni e musiche molto belle
scalda la tua gola mio cantore
quando la luce cala, dalla finestra
anche la stella perde la sua luce
Si spegne la piccola stella
se nessuno arriva a sostenerla
Dormi che la notte è una bambina
ed anche lei si addormenterà, come te…

 

“Il canto delle lavandaie del Vomero”
(Canto tradizionale del XIII secolo)

 

Tu m’hai promisso quatte moccatore.
je so benut’ se me lo vuoi dare.
e si so quatt’embè, rammene doje.
quell ch’è ‘cnuoll a te n’è robba toja.
Mi hai promesso quattro fazzoletti (di terra n.d.t.).
E sono venuto a prenderli, se me li vuoi dare.
E se sono quattro, dammene due.
Quello che è addosso a te, non è roba tua!

 

“Aremu rindineddha”
(Canto salentino tradizionale in dialetto grìko)

 

Àremu rindinèddha,
plea tàlassa se guaddhi
ce apùtte ste’ ce ftazzi
m’utto kalò cerò.
Vastà to petton àspro,
mavre vastà tes ale,
stavrì kulor de mare
ce i kuta en diu niftì
Kaimmeno mbrò sti tàlassa,
evò se kanonò;
lio nghèrni, lio kkalèi,
lio nghìzzi to nerò.
Àremu plea paìssia,
pleus topu ise diammèna,
pu in echi ghianomèna
ti foddhèan esù.
An ìfsera ti diàike
apù cirtèa s’emèna,
ka possa guàita ‘sena
su ‘ròto’ na mu pì.
Ma sù tipo mu lei
ja possa se rotò;
lio nghèrni, lio kkalèi,
lio nghìzzi to nerò

 

-traduzione-

 

Chissà rondinella
Chissà rondinella,
quale mare hai attraversato
e donde tu arrivi
con questa bella stagione.
Hai bianco il petto,
nere le ali,
il dorso color del mare
e la coda aperta in due.
Seduto di fronte al mare
io ti contemplo;
un po’ ti levi, un po’ cali,
un po’ sfiori l’acqua.
Chissà per quali paesi,
per quali luoghi sei passata;
chissà dove ti sei fatta
il nido tu.
Se sapessi che sei passata
dalle parti del mio paese,
quante cose ti chiederei
perchè me le dicessi.
Ma tu nulla mi dici
per quanto io ti domandi;
un po’ ti levi, un po’ cali,
un po’ sfiori l’acqua

 

“Maria Faia”
(testo di Frida Neri – musica di José Zeca Afonso 1970)

 

Io non so come chiamarla, Maria Faia
Che nome può catturarla
Ti muovi come una rosa, Maria Faia
dai petali offerti al vento
Ti chiamo senza parlare, Maria Faia
ma spero tu possa sentire il mio pensiero, il mio respiro
Ti cerco di sguardi intensi, mia casta musa
e tu come specchio rifletti questo mio volto di polvere e stracci
Fuggita al suono dell’alba, Maria Faia
addio al tuo passo leggero, ai tuoi capelli, musa proibita
E canto il tuo nome solo, Maria faia
Di mille papaveri al vento

 

“O meu canto”
(Frida Neri, Antonio Nasone 2017)

 

Um rio em cheia é isto canto
uma luz que brilha forte atras do pranto
um cão sem paz que aguarda o seu dono
menino que tem em chamas o corãçao
uma rua escondida onde eu deço
antiga cidade que eu reconheço
o meu canto mãe o meu canto rei
que eu morra se um dìa que eu possa esquecer
que eu morra se un dia
um rio em cheia é isto canto

 

-traduzione-

 

Un fiume in piena è questo canto
una luce che brilla in fondo al canto
un cane senza pace che aspetta il suo padrone
bambino con il cuore in fiamme
una strada segreta in cui discendo
antica città che io ricordo
oh mio canto madre, mio canto re
che io possa morire se un giorno dovessi dimenticare
un fiume in piena è questo canto

 

“Il canto dei sanfedisti”
(tradizionale del XVI secolo)

 

A lu suono de grancascia
viva viva lu populo bascio
A lu suono ‘re tammurrielli
so’ risurte li puverielli
A lu suono ‘re campane
viva viva li pupulane
A lu suono ‘re viulini
morte alli giacubbine.
Sona sona
sona Carmagnola
sona li cunziglia
viva ‘o rre cu la Famiglia.
Sona sona
sona Carmagnola
sona li cunziglia
viva ‘o rre cu la Famiglia.
A sant’Eremo tanto forte
l’hanno fatto comme ‘a ricotta
A ‘stu curnuto sbrevognato
l’hanno miso ‘a mitria ‘ncapa
Maistà chi t’ha traruto
chistu stommaco chi ha avuto
‘e signure ‘e cavaliere
te vulevano priggiuniere.
Sona sona…
Alli trirece di giugno
sant’Antonio gluriuso
‘e signure ‘sti birbante
‘e facettero ‘o mazzo tanto
So’ venute li Francise
aute tasse ‘nce hanno miso
Liberté… Egalité…
tu arrobbe a me
io arrobbo a te.
Sona sona…
Li Francise so’ arrivate
‘nce hanno bbuono carusate
evvualà evvualà
cavece ‘nculo alla libertà
A lu ponte ‘a Maddalena
‘onna Luisa è asciuta prena
e tre miedece che banno
nun la ponno fa sgravà
Sona sona…
A lu muolo senza guerra
se tiraje l’albero ‘nterra
afferraino ‘e giacubbine
‘e facettero ‘na mappina.
È frnuta l’uguaglianza è frnuta a libertà
pe’ vu so’ dulur e’ panza, signò jateve a cuccà
sona sona..

 

-traduzione-

 

Al suono della grancassa
viva il “popolo basso”;
al suono di tamburelli
son risorti i poverelli;
al suono di campana
viva viva i popolani;
al suono di violini
morte ai giacobini!
Suona, suona
Suona la Carmagnola
suonano i “consigli”:
viva il re con la famiglia!
I Francesi sono arrivati,
e ci hanno completamente dissanguati;
“et voilà, et voilà”,
calci in culo alla libertà!
Son venuti i Francesi
e ci hanno imposto altre tasse;
“Libertè, egalitè”…
tu rubi a me, io rubo a te!
Suona, suona
A Sant’Elmo, così forte,
l’hanno ridotto una poltiglia,
a questo cornuto svergognato
gli hanno messo la mitria in testa.
Maestà, chi ti ha tradito?
Chi ha avuto questa volontà?
I signori e i cavalieri
ti volevano prigioniero!
Suona, suona
Il tredici di giugno,
Sant’Antonio glorioso,
ai signori, questi birbanti, fecero il culo grosso così!

 

“Hunc caelum hunc terra hunc mare”

 

“Parapono”
(Lina Nikolakopoulo – Ara Dinkjian) 1996

 

Varia vrachiolia i lipes
pos m’ agapas den ipes
To ho parapono mana mu, stoma mu
chi as pethane to soma mu.
De thelo, foss mu, cosmo
sta hili mu eho diosmo,
to ho parapono pare mu , zita mu
tis lismonias saita mu.
Su stelno m’ ena gramma
tu fegariu ti lama
par’ ti che ctipa me mana mu , trela mu
chi an clei i psihi su, gela mu.
Psila vuna ki esis ton astron thories.
Potamia ahna elatia, dafnes mirties.
Tin cardia mu oh fotiamu opios di
na tis pi nay rthi koda mu min arghi
xenitia mu , erota mu , fos ki avghi
prin raghissi apo ton sevda mu oli i ghi.
Faraghia  igra ki esis ton drakon spilies
aeton ftera ki anemon mavres foglies.
Tin cardia mu oh fotiamu opios di
na tis pi nay rthi koda mu min arghi
xenitia mu , erota mu , fos ki avghi
Prin raghissi apo ton sevda mu oli i ghi.
Aidoni essi planeftra stahti pu kes
me pio crassi methai ta matia tu , pes.

 

-traduzione-

 

Bracciali pesanti, i dolori
Non hai detto che mi ami.
Ho del rancore, madre; nella mia bocca
nonostante il mio corpo sia morto.
Non voglio, mia luce, una folla (della gente, un mondo)
Ho la menta sulle mie labbra.
Ho un rancore e mi chiedo
la mia mappa dell’oblio.
Ti sto inviando una lettera
con la lama della luna.
Prendila e colpiscimi, madre mia, nella mia follia
E se la tua anima piangere, ridi per me.
Alte montagne e cieli di stelle.
Fiumi, abeti, allori, mirti.
Il mio cuore, il mio fuoco, chiunque la veda
le dica di venire da me, di non tardare.
La mia terra straniera, la mia lussuria, la luce e l’alba
Prima che tutta la terra si spacchi tramortita dal mio dolore.
Le gole umide, le grotte del drago,
Piume d’aquila e dei venti fra i nidi neri.
Il mio cuore, il mio fuoco, chiunque la veda
le dica di venire da me, di non tardare.
La mia terra straniera, la mia lussuria, la luce e l’alba
Prima che tutta la terra si spacchi tramortita dal mio dolore.
Tu, usignolo. Ingannevoli e ceneri che bruci,
Con quale vino i suoi occhi si ubriacano, dimmi.

 

“As ilhas afortunadas”
(Frida Neri su testo di Fernando Pessoa – 2017)

 

Que voz vem do som das ondas
Que não é a voz do mar?
É a voz de alguém que nos fala,
Mas que, se escutarmos, cala,
Por ter avido escutar.
E só se, meio dormindo,
Sem saber de ouvir ouvimos,
Que ela nos diz a esperança
A que, como uma criança
Dormente, a dormir sorrimos.
São ilhas afortunadas,
São terras sem ter lugar,
Onde o rei mora esperando.
Mas se vamos despertando
Cala a voz, e há só o mar.

 

-traduzione-

 

Le isole fortunate
Quale voce proviene dal suono delle onde,
che non è la voce del mare?
É la voce di qualcuno che ci parla, ma che
se l’ascoltiamo, cala, per essere stato ascoltato.
E solo, quasi dormendo
senza sapere di udire, udiamo
e quella voce ci dice la speranza,
alla quale – dormienti, dormendo sorridiamo.
Sono isole fortunate,
sono terre ce non hanno luogo,
dove il re vive in attesa,
ma se cominciamo a svegliarci,
cala la voce e rimane solo il mare…